COS’E’ IL TRATTAMENTO AMMINOACIDICO DELLE ADIPOSITA’ LOCALIZZATE?

Si tratta di un percorso nutrizionale di ventuno giorni basato sull’assunzione di soli cibi ricchi di amminoacidi e di fibre.In questi ventuno giorni non devono essere assolutamente assunti nè grassi,nè proteine.Questo tipo di alimentazione causerà una chetogenesi naturale che porterà la mobilizzazione del tessuto adiposo a scopo energetico.Vanno associati molta acqua ed un integratore di sali minerali e vitamine in compresse.La chetosi è efficace se mantiene integro il tessuto magro e consuma il grasso.(CONSULTARE IL MEDICO)

COS’E’ LA DIETA CON IL SONDINO?

E’la dieta che innesca la chetogenesi o chetosi dell’organismo,consumando così la parte grassa e non magra di esso stesso.In questo caso l’individuo è alimentato con una miscela personalizzata di amminoacidi e sali minerali,rilasciata attraverso un sondino che passa dal naso ed arriva direttamente allo stomaco,durante le ventiquattro ore.(CONSULTARE IL MEDICO)

COME E DOVE CERCARE AIUTO PER CHI SOFFRE DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE?

I disturbi del comportamento alimentare sono una malattia della mente con gravi complicanze fisiche.La psicoterapia è la terapia più efficace,tuttavia le gravi alterazioni organiche che la malattia comporta,obbligano a scegliere un centro di cura dove è praticato un trattamento multidisciplinare in cui c’è lo psicologo,lo psichiatra,lo specialista in scienze dell’alimentazione,il dietista che possono collaborare valutando congiuntamente lo stato del paziente.In questi centri devono poi essere presenti anche internisti,endocrinologi,cardiologi ed altri specialisti in grado di valutare ed affrontare le complicanze organiche della malattia.Infine è necessario sapere che per la cura dei disturbi del comportamento alimentare sono necessarie anche terapie psicologiche,psicofarmacologiche,nutrizionali e comportamentali.
(CONSULTARE IL MEDICO)

IN CASO DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE QUANDO DEVO RIVOLGERMI A QUALCUNO?I

Intervenire precocemente guarire,ma può anche cronicizzare o si può morire.Come per molte altre malattie,così anche per i disturbi del comportamento alimentare,vale il principio che a un riconoscimento precoce del disturbo corrisponde una più alta probabilità di guarigione.
(CONSULTARE IL MEDICO)

SONO PREOCCUPATO PER UN MIO AMICO.PENSO SOFFRA DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE.COSA FACCIO?

Un amico può essere,proprio per la natura della relazione,in posizione privilegiata per fornire al soggetto un contatto con l’esterno,facendolo uscire dall’isolamento. Può avere un maggiore ascendente su di lui perchè valuti la possibilità di farsi aiutare rivolgendosi ad un medico o ad un centro specializzato.

IL VEGETARIANO E’ UN INDIVIDUO AFFETTO DA DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE?

Assolutamente no.Tale individuo mangia regolarmente ed in giuste quantità.Esso non sopprime la fame bevendo e mangia anche pane,pasta,carboidrati,patate,legumi,olio e grassi vegetali.Il suo scopo è nutrirsi in un modo diverso e giusto dal punto di vista della salvaguardia della vita degli altri esseri viventi,senza però distruggere la propria.Il vegetariano,infatti non si sottopone ad estenuanti esercizi fisici,non salta i pasti,non vomita,non si purga,di conseguenza non diventa magro,emaciato nè ansioso davanti al cibo.